Direzione Didattica di Vigonza Via Cavour, 12 - 35010 VIGONZA (PD) - Cod. Min. PDEE059007 - Cod. Fiscale: 80012540284 - Tel. 049 8095003 - Fax: 049 8095328 - Email: pdee059007@istruzione.it
Lezione concerto dell’Orchestra Brenta

21 ottobre 2019 - Decisamente insolita la cornice che ospita, quest’anno, la lezione concerto dell’Orchestra Brenta di Cadoneghe e Vigonza: è infatti la chiesa della Madonna di Lourdes di Busa ad accogliere i 330 ragazzi di tutte le classi IV e V del nostro Istituto, accompagnati dai rispettivi docenti.

Pur non essendoci un vero palco il maestro di clarinetto e direttore d’orchestra, Daniele Trincanato, riempie lo spazio tra l’altare e la gradinata guidando i ragazzi a riconoscere melodie e ritmi. I pezzi eseguiti, vengono ritmati dal pubblico sotto la direzione delle sue mani esperte. Si perché i maestri sotto la guida del “direttore d’orchestra” interpretano libertango di Astor Piazzolla e, anche gli adulti, si lasciano prendere dal ritmo incalzante e passionale di questa danza argentina.

La porta della chiesa è aperta e nel fascio di luce si vede la figura di Padre Carlos; è lì per ascoltare ma anche per “vigilare” affettuosamente che tutto vada bene. E va tutto bene, il suo sorriso aperto è un apprezzatissimo benvenuto!

Ed ecco la presentazione dei diversi strumenti: fiati, percussioni, pianoforte/tastiera elettrica: troppo difficile trasportare un pianoforte! Ma il maestro Marco Barizza, spiega bene le caratteristiche di questi due strumenti e sottolinea come il piano forte sia nato come successore del clavicembalo, altro strumento a corde pizzicate e che il primo “forte-piano”, allora si chiamava così, sia stato costruito proprio dal padovano Bartolomeo Cristofori.

La maestra Laura Mosconi con una sensibilità adatta proprio ai ragazzi, illustra le caratteristiche del flauto traverso e fa apprezzare le melodie che ne escono con un lieve soffio. Strumento sottile produce suoni acuti, fa notare Laura ai ragazzi.

A questo punto l’ensamble si cimenta in un pezzo classico: la suite dal balletto lo schiaccianoci di P.I Tchaikovsky; la melodia rapisce davvero la stragrande maggioranza dei presenti.

Nicola Rizzi il percussionista fa sorridere tutti affermando: “il maestro mi mette sempre in castigo perché faccio troppo…..rumore”! E davvero le percussioni sono disposte sempre dietro agli archi e ai fiati, quasi nascoste al pubblico. E soprattutto non possono esprimere una melodia, bensì un ritmo ma quanto coinvolgente lo dimostra bene il pubblico di grandi e piccoli.

Anche lo strumento “perfetto ovvero il clarinetto” fa bene la parte del protagonista …ma solo perché è suonato dal “maestro”, sì certo sempre lui Daniele.

Davide Pivetta tromba e Salvo Pennisi sax contralto descrivono i loro strumenti (ne suonano anche altri) che appartengono alla famiglia degli ottoni e si avvicinano al pubblico facendo ben percepire melodie dai toni più bassi del flauto.

E a noi non resta che ringraziare tutti coloro che hanno permesso quest’ora di musica: Padre Carlos, i maestri dell’Orchestra Brenta, l’Ufficio Cultura, i docenti che hanno accolto la proposta e tutto il pubblico dei nostri ragazzi, entusiasti e mai stanchi di applaudire con calore e convinzione.


Pubblicata il 25 ottobre 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.