Direzione Didattica di Vigonza Via Cavour, 12 - 35010 VIGONZA (PD) - Cod. Min. PDEE059007 - Cod. Fiscale: 80012540284 - Tel. 049 8095003 - Fax: 049 8095328 - Email: pdee059007@istruzione.it
Celebrazione del 4 novembre

Domenica 4 novembre 2018

Inizia quasi in sordina, timidamente l’Inno alla Gioia interpretato al flauto dai ragazzi di classe 5^ Primaria durante la celebrazione del centenario della fine della Grande Guerra. Dopo la lettura dei nomi dei caduti, sono note che aprono alla vita e alla speranza: cento anni dalla fine del conflitto, cento anni in cui si sono susseguite altre guerre e ancora tante sono state le vittime e continuano a esserci.

Quando gli Alpini entrano nelle classi 5^ fanno una premessa ai loro interventi: “Vogliamo abolire due parole dal nostro vocabolario, guerra e nemico”, sostituendole con pace e amico.

Queste sono le parole che vorremmo entrassero nel vocabolario dei capi di stato e di governo e in quello nostro quotidiano. Ricordare, commemorare, celebrare è un dovere civile ma ai nostri ragazzi vorremmo non si parlasse più di confine, di conquista, di offesa o di difesa. Ci piace pensare che le nuove generazioni parlino un linguaggio comune a tutti i ragazzi d’Europa e del mondo. Un linguaggio condiviso, inclusivo, senza barriere. La storia è scandita da date di inizio e di fine di guerre, da stati che si combattono per ampliare i confini o per motivi di supremazia economica. Ma a volere la guerra non sono i cittadini, non è il popolo: da sempre nelle guerre le conseguenze peggiori le subiscono il popolo, la gente comune.

Lo esprime in modo quasi struggente il drammaturgo e poeta Bertolt Brecht nella poesia che gli Alpini leggono sempre ai ragazzi quando parlano del 4 novembre.

La guerra che verrà non è la prima.

Prima ci sono state altre guerre.

Alla fine dell’ultima c’erano vincitori e vinti.

Fra i vinti la povera gente faceva la fame.

Fra i vincitori faceva la fame la povera gente egualmente.

Per questo il messaggio che ciascuno di noi ha portato con sé al termine della celebrazione del 4 novembre è una semplice parola bisillaba: PACE.


Pubblicata il 08 novembre 2018

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.